Le ronde e i campanelli d’allarme sottovalutati

di Marco Pasqua
E dopo la “monnezza” e i topi, abbiamo anche le ronde fasciste a sorpresa. Ora sì che a #Roma siamo più tranquilli
@MovArtCinecitta


Sfruttano le sacche di degrado nei quartieri più abbandonati e, cavalcando l’onda di malcontento e rabbia, lanciano a ritmi martellanti sui social le loro campagne di reclutamento di “addetti” alla sicurezza. Pescano ovunque, anche tra gli studenti delle scuole superiori (maggiorenni?), per dar vita alle ormai note “passeggiate per la legalità”, versione lessicalmente edulcorata delle ronde.

Non solo CasaPound: anche Vox Populi, Roma ai Romani e quell’Azione Frontale il cui leader inviò, 3 anni fa, delle teste di maiale alla Comunità ebraica: proliferano le organizzazioni, tutte estremiste, che vogliono tradurre malcontento e frustrazioni di una nutrita fetta di romani in azioni. Si ergono a paladini degli indifesi e promettono di affrontare il problema della sicurezza, con pattugliamenti borderline. Indossano t-shirt con slogan inequivocabili, non disdegnano i saluti romani e marciano, giorno e notte, a caccia di presunti criminali. Ogni azione si traduce in video e foto autopromozionali.

La Digos li conosce uno ad uno e, all’occorrenza, interviene: pochi giorni fa denunciando 15 militanti di Forza Nuova, protagonisti di una passeggiata anti-degrado alla Magliana. Ma intanto l’insoddisfazione che cresce nelle periferie è benzina per questi movimenti che puntano a colmare quel vuoto tra Istituzioni e cittadini che si traduce anche nella percezione di un’insicurezza sempre più diffusa, di cui le ronde rappresentano un campanello d’allarme troppo spesso sottovalutato. 

marco.pasqua@ilmessaggero.it
Lunedì 25 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 11:56

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-09-25 10:42:00
Mi spiace dover dire chiaramente che l'articolo é solo di parte e non esamina affatto i malesseri delle periferie in cui siamo costretti a vivere in compagnia di degrado sporcizia criminalità di manovalanza straniera, abusivismo commerciale specie straniero, presenza di prostituzione sempre straniera, occupazioni abusive di case da parte di Centri Sociali e degrado dei locali occupati, aggressioni specie di notte a donne d anziani, presenza di immigrati di cui non si conosce NULLA che stazionano chiedendo o meglio pretendendo l' elemosina davanti ad ogni esercizio commerciale con atteggiamento di sfida Le basta questo signor Marco Pasqua per capire che la situazione è grave e che la presenza di questi ragazzi, forse ingenui , ma che almeno credono in un ideale , forse sbagliato, come lo credono quelli che militano nella sinistra, possa rappresentare una certa forma di reazione a quanto le ho presentato sopra? La ringrazio se Lei vorrà rispondere a questa mia con un commento.
QUICKMAP