Roma, Franca Fiacconi si allena a Caracalla per la maratona di New York: «Correndo raccolgo i rifiuti»

di Laura Bogliolo
Perdersi tra il gigante del vento e incontrare la bambina dimenticata. Soltanto tu e la strada da calpestare, mangiare. Rispettandola però. Un po' come il mare, anche la corsa ha le sue regole e vanno seguite. Non decidi tu, ma il tuo corpo che puoi solo tentare di addomesticare. Provando a descrivere quello che si sente correndo. Da soli, in viale delle Terme di Caracalla quando puoi saltare sulla vita senza inciampare sui rifiuti, oppure in mezzo a migliaia di persone. Unica tra le italiane a tagliare per prima il traguardo....
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 22 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 12:09

© RIPRODUZIONE RISERVATA

  • 110
QUICKMAP