9 ottobre 1963 Muore il politico Camillo Corsanego

di Enrico Gregori
Muore a Roma il politico Camillo Corsanego. È stato deputato all'Assemblea Costituente, e deputato alla Camera nella I legislatura. Giurista e Costituente, fra i Padri Fondatori del Partito Popolare Italiano e della Democrazia Cristiana. Lauree in giurisprudenza in diritto canonico e in scienze economiche e commerciali, avvocato, docente universitario. Presidente della Gioventù Cattolica Italiana, poi Azione Cattolica.

Formatosi in un ambiente familiare fervidamente religioso, Corsanego assume ben presto incarichi di rilievo nazionale nell'associazionismo cattolico. Nel biennio 1912-'13 dirige la rivista Studium, organo della FUCI; nel settembre 1922 viene eletto all'unanimità, a soli trentun anni, presidente generale della Gioventù cattolica italiana, carica che regge fino al novembre '28. Ultimo presidente eletto, resse l'incarico fino al 3 novembre 1928, lasciando al suo successore, Angelo Raffaele Jervolino, un'associazione in pieno sviluppo, che nell'arco degli ultimi sei anni era cresciuta notevolmente, diramandosi capillarmente per tutta la penisola.
Luned├Č 9 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 00:05

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP