26 dicembre 1943 Il gappista Mario Fiorentini lancia bombe contro i soldati tedeschi

di Enrico Gregori
A Roma, il gappista Mario Fiorentini, da solo, lancia bombe a mano contro un gruppo di 50 soldati tedeschi durante il cambio della guardia di Regina Coeli, e riesce a sottrarsi alla loro reazione fuggendo in bicicletta. Già da studente Fiorentini incominciò l'attività clandestina in ambito antifascista collaborando sia con Giustizia e Libertà che con il Partito comunista. All'inizio del 1943, con Plinio De Martiis, allestì rappresentazioni popolari al Teatro Mazzini e al Delle Arti; tra gli attori: Vittorio Gassman, Lea Padovani, Nora Ricci, Vittorio Caprioli, Carlo Mazzarella, Alberto Bonucci ed Ave Ninchi, sotto la direzione di Luigi Squarzina, Adolfo Celi, e Mario Landi. Successivamente conobbe Lucia Ottobrini, una profuga alsaziana che sarà sua compagna di lotte e nella vita. Immediatamente dopo il 25 luglio 1943, assieme ad Antonello Trombadori, Fiorentini formò una brigata partigiana che riprese il nome degli Arditi del Popolo.
Marted├Č 26 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 00:10

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-12-26 12:57:02
A titolo beneaugurante va ricordato che quest'uomo lo scorso novembre ha compiuto la bellezza di 99 anni.
QUICKMAP