3 ottobre 1935 Mussolini ordina l'invasione dell'Etiopia

Il duce arringa le camicie nere in partenza per 
l'Etiopia
di Enrico Gregori
A Roma il duce Benito Mussolini ordina l'invasione dell'Etiopia con le truppe guidate dal generale Emilio de Bono (sostituito l'11 novembre da Pietro Badoglio).

Il 6 ottobre presero Adua. Poco dopo De Bono entrò nella città di Axum, importante sotto il profilo storico e religioso. Dopo questi iniziali trionfi, ad ogni modo, la sua avanzata rallentò di molto a causa delle difficoltà d'approvvigionamento e del terreno aspro e privo di vie di comunicazione. Ma Mussolini era impaziente e notava giorno per giorno come l'invasione fosse troppo lenta per i suoi gusti. Spronò De Bono, chiedendo un ampliamento del fronte e un'ulteriore avanzata sulla linea Macallé-Tacazzé, ordinandogli d'attaccare il 3 novembre. De Bono provò a protestare ma dovette eseguire e l'8 novembre, il I corpo d'armata e il corpo eritreo conquistarono Macallé e fu questo il limite dell'avanzata italiana sotto De Bono.
 
Marted├Č 3 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 00:10

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-10-03 15:34:50
Bei tempi.....
2017-10-03 12:58:44
E adesso i nipoti e pronipoti degli 'invasi' stanno INVADENDO noi! LA guerriglia a Piazza Indipendenza ce lo ha dimostrato come pure i palazzoni occupati a la Romanina e a Via Emanuele Filiberto .
2
  • 1,7 mila
QUICKMAP