Che errore per la legalità lasciare solo l'assessore

di Paolo Graldi
Puntuale come la Befana, alla vigilia del caravanserraglio di bancarelle che invaderanno piazza Navona, ecco esplodere il caso Meloni, l'assessore capitolino che ha mandato su tutte le furie la sindaca Raggi per aver denunciato presunti inciuci tra la lobby della famiglia Tredicine e il presidente grillino della commissione commercio Andrea Coia. Adriano Meloni, che conosce bene il suo mestiere, con una crasi lo definisce Coidicine. Il sospetto dell'assessore è che le assegnazioni nel bando della Festa a piazza Navona siano...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 3 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 09:58

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-12-05 16:39:55
Credo che il fatto che ci fossero inciuci fra il Campidoglio e i Tredicine a Roma lo sappiano anche i muri. La Virginia, non volendosi assumere responsabilità (specialità piuttosto diffusa fra i cinquestelle) e non volendo scontentare nessuno degli ammanicati, ha preferito soprassedere. E poi dicono che la Befana viaggi con le scarpe tutte rotte...
QUICKMAP