L'antidoto alla paura resta solo la prevenzione

di Paolo Graldi
Imponderabile arriva la scossa, chiara e forte, e si ripete, due tre, quattro volte nell'arco di un'ora: certo, non è un capogiro, un colpo di tosse, un lieve mancamento. E' proprio lui, il terremoto che non si fa annunciare da nulla e non ti dice quando se ne tornerà nelle viscere. Ieri mattina poco dopo le 10 la terra ha irradiato il suo tremendo tremore fin dentro le nostre case e in un attimo il nostro vivere si è racchiuso in una parola: panico.

Panico ovunque, cercando di captare le intenzioni di un nemico impalpabile. Scuole evacuate, metro ferma di botto per i controlli di sicurezza, edifici pubblici sgomberati, cellulari impazziti. Giusto reagire così? Il professor Enzo Boschi, che con i terremoti ci dialoga col dovuto rispetto perché ne conosce come pochi il linguaggio, ci invita ad una calma prudente e ci ricorda che a Roma, almeno qui, siamo ragionevolmente fuori dalla portata del grande pericolo. Prevedere è impossibile, studiare gli andamenti è utile e importante.

La storia millenaria del Caput Mundi ce lo insegna. E allora l'antidoto alla paura che d'impeto avvolge e travolge, che si nutre di irrazionale e non di scienza, almeno di quella a disposizione, l'antidoto è la prevenzione nella consapevolezza. Sapere quel che si deve sapere riducendo il margine delle pure emozioni, conoscere per prevenire, prevenire per ridurre i rischi, ridurre i rischi per non vivere nella paura. Il tutto all'interno di schemi organizzativi studiati a mente fredda e pronti a scattare se irrompe un'emergenza. Già, l'organizzazione: ecco il punto. E la domanda che è già un sussulto: ma noi ce l'abbiamo l'organizzazione della prevenzione?

paolo@graldi.it
Giovedì 19 Gennaio 2017 - Ultimo aggiornamento: 08:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-01-20 14:28:32
Da quando c'é il nuovo sindaco chi può avere ancora paura del lupo cattivo?
2017-01-19 20:18:40
Non abbiamo l'idea di cosa significa PREVENZIONE che invece conoscendo la fragilitĂ  del nostro territorio dovrebbe far parte del vivere quotidiano!Faccio un appello alla politica "Riflettiamoci"!
QUICKMAP