L'esultanza sguaiata e il rispetto per la divisa

di Paolo Graldi
Virale. Sì, virale sul web il balletto del vigile urbano in divisa, con tanto di pistola e manette alla cintola, che si dimena, si agita come un tarantolato, allunga le braccia e i pugni a stantuffo, grida alzando gli occhi al cielo in una esagitazione incontenibile. Quella gioia sugli spalti, alla fine del match vinto dai giallorossi, suona male. E il fatto che sia stata filmata e mandata in circolo dimostra, ancora una volta, il doppio taglio dell'arnese elettronico. Qualcuno avrà gioito, qualcun altro avrà alzato il sopracciglio, altri ancora avranno speso parole di critica.

Un record di visioni che ammonisce dal comportarsi in pubblico come se si fosse in privato. Perché l'episodio della tarantella sfrenata si presta a una nota di biasimo? Perché quel tifoso esultante porta una divisa, è presente con altri colleghi in servizio, svolge una mansione che gli conferisce una speciale autorità di pubblico ufficiale, di agente di polizia giudiziaria. Uno status che lo vede obbligato a muoversi, quand'anche sugli spalti della Curva Sud, roccaforte giallorossa, con compostezza e rispetto. Rispetto per la divisa.

La stessa che dovevano avere quei vigili del fuoco anche loro filmati a fare i coretti da stadio, per giunta offensivi verso la Lazio. Un qualsiasi altro tifoso, specie nel clima del derby poteva considerare l'esultanza, anche la più euforica, voce del biglietto d'ingresso. Un vigile in servizio, scusate, no. Alla scuola ufficiali dei carabinieri, prima lezione, insegnano una regola. Sappiate e tenete a mente che portare la divisa equivale a identificare ogni vostro gesto con l'intera Arma. Chi vi vede e vi giudica vede e giudica l'intera Arma. La regola vale anche per i vigili urbani, quando sono in divisa. Perfino se la squadra del cuore vince il derby.
Martedì 6 Dicembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 08:32

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2016-12-10 16:26:45
In effetti, c'è di che vergognarsi per un comportamento così poco professionale. Sarebbe auspicabile prendere esempio dai poliziotti inglesi che voltano la schiena al campo da gioco e rimangono impassibili per tutta la durata della partita.
2016-12-09 10:48:17
Per Nzoid. Non c'è alcun dubbio che quel vigile abbia sbagliato, però se proprio hai deciso di dare una carezza ad un agente della Polizia Locale e di dirgli di andare a giocare ai soldatini, e magari di mandarlo anche a quel paese, cerca di far sì che quell'agente sia lo stesso di cui qui si parla, perchè è probabile che, in tal caso, ti verrebbero riconosciute le attenutanti generiche. Diversamente, fossi in te, ci penserei un migliaio di volte a farlo!
2016-12-08 11:52:01
ma forse, in fondo, sono altre le cose che offendono la Divisa. Ad esempio farsi corrompere, non fare il proprio dovere, essere sgarbati ed arroganti con i cittadini.
2016-12-07 10:35:05
In America spesso gli uomini e donne in divisa partecipano a feste con lo spirito di essere tra la gente, dietro ogni divisa c'è una donna/uomo con le sue paure gioie e dolori! Ha avuto, hanno avuto un momento di euforia, non hanno compiuto gesti clamorosi, ma questo paese dove tutti sono pronti a denigrare anche pesantemente gli altri sono i primi poi ad essere arroganti e maleducati, molti hanno come sempre quando si tratta dei "vigggili" usato frasi trite e ritrite nei confronti della categoria, tutti indefessi lavoratori, tutti rispettosi del'educazione e rispetto per l'altro! Roma ha perso quella goliardia di una volta, tutti con il coltello in bocca per eliminare il prossimo!!!!
2016-12-07 09:14:14
Ottimo articolo, E' esattamente questo il punto, il rispetto delle divisa e del ruolo di pubblico ufficiale. La prossima volta che mi fermerà un agente di polizia municipale mi verrà alla mente l immagine di questo individuo che saltella come un cartone animato. Gli farò una carezza e gli dirò ti tornare a giocare con i soldatini...
10
  • 506
QUICKMAP