ladynutelliel

Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Applausi a cgi ha scritto l'incipit dell'articolo. "Sull'amore per la palestra e il body building nulla quaestio" ha dell'epico.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Freon, lungi da me difendere le usanze tribali legate all'Islam, ma le posso garantire (perché ne ho letto su internet, e devo anche fare mente locale per ricordare come ci sono arrivata: ci sono siti dettagliatissimi nello spiegare come tenere la placenta vicino al bambino finché non si essicca e non si stacca da sola) che molte italianissime mamme seguono questa corrente di pensiero-moda. E al solito, tutto va bene se non ci sono complicazioni. Ma alla minima complicazione, eccoli a urlare e strepitare contro l'ospedale, i medici, la scienza. Come nel caso dell'otite che ha ucciso un bambino.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Ci sono alcune correnti di pensiero - allignano tra gli analfabeti funzionali che con l'uso facile di internet (tramite smartphone e social, perché solitamente sono scarsi nell'uso del computer e nella ricerca delle fonti) trovano conferma e rinforzo - le quali sostengono che la placenta va tenuta attaccata al bambino tramite cordone ombelicale finché non si secca e non si stacca da sé. Una delle tante teorie di nicchia che, con internet, è diventata dominio collettivo. Chiaramente, tutti bravi a invocare la natura contro la medicina e i medici cattivi. Allora vi chiedo coerenza: la macchina non è naturale, la stufa a gas non è naturale, l'antibiotico non è naturale. Tornate ai bei tempi della tisi, delle cancrene, delle polmoniti... ma se possibile senza danneggiare i terzi che non hanno chiesto nulla.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Ma il punto principale, ossia punizioni serie, vere, effettive per chi delinque, non ce lo mettiamo?
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Guardi che non è una domanda scontata. Io credevo che fossero di dotazione sui furgoni dei corrieri, lo davo per scontato. Non avevo mai pensato a questo fatto.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Comunque la disinfestazione non √® presa seriamente. √ą vero che non risolve il problema, ma lo limita. A Roma nella mia zona da due anni non si disinfesta, o forse di pi√Ļ... √® passato davvero tanto tempo. La gente non cura minimamente i ristagni nei vasi, al grido "E' casa mia e faccio quello che mi pare". Quando le zanzariere le bloccano, le zanzare entrano pure dalle porte! Sono stata di recente al Cimitero Staglieno di Genova. Non una zanzara. Ovunque cartelli che ricordavano di mettere una spugna sotto ii vasi di fiori, per evitare che si trasformassero in allevamenti di zanzare. Lo Staglieno, per chi lo conosce, √® immenso. Impossibile che il poco personale e i volontari vadano di DDT quotidianamente. Lo faranno, ma a monte c'√® un'azione anche da parte dei cittadini.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Tecnicamente è un mandato d'arresto europeo, non un'estradizione, quello di cui si vuole valere la Polonia. Ma poco conta il nome. La Polonia ha ragione. Se a 15 anni sei abbastanza grande da partecipare a uno stupro di gruppo, sei abbastanza grande anche per assaggiare le carceri polacche. Io ricordo i nomi dei politici che hanno voluto chiudere gli occhi sui problemi di controllo del territorio in nome di una falsa solidarietà e un politically correct peloso e ipocrita, ma anche i nomi di quelli che in nome del garantismo si sono fatti i cavoli loro, come ricordo quando il papa chiedeva l'amnistia, in seguito ci fu l'indulto, e criminali uscirono dalle carceri a far danno, contribuendo all'immagine di un paese facile per i criminali.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Lei ha assolutamente ragione: riuscire a urlare o restare senza voce, avere la forza fisica di opporsi o restare paralizzate è una questione di fortuna, di quale circuito di salvezza innesca il cervello primitivo. Con corsi di autodifesa e gestione delle emergenze, alcuni comportamenti possono diventare automatici (urlare in una determinata maniera, colpire in un certo modo) e scaturire automaticamente in momenti critici. Forse non bastano a mettere KO un aggressore, ma fanno guadagnare tempo e possibilità di aiuto.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Povera, povera donna... ti fanno sentire finito, ti dicono che lo sei, te lo ripetono ovunque. I centri per l'impiego sono inutili, i sussidi rari e scarsi, la voglia di fare, di ricollocarsi, di qualificarsi, è frustrata in continuazione. Povera, povera donna...
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Instagram sarebbe un bel social se non ci fossero i morti di fama (non è un errore di battitura...)
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
La raffinatezza, il senso del dovere, la profonda cultura, la voja de lavora' che quando deve saltare addosso sbaglia sempre mira... e via dicendo...
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Pensare che mi hanno bocciata da un posto di segretaria - giuro - in una sartoria perché porto la taglia 44 e a loro serviva una taglia 42 perché la segretaria potesse fungere anche da modella XD Con la saggezza dell'età, l'ho presa a ridere... Signora Balti, se ne faccia una ragione. Lei è bella come il sole, ha una famiglia e non le manca nulla nella vita. Non ha proprio bisogno del "popolo del web"
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Povia. Non so se avete presente di chi stiamo parlando. Un cantante di poco talento che, in cerca di successo, si improvvisa opinionista, tuttologo, provocatore. Trova nella marea di idiozia scatenata dai social terreno fertile. Ogni click, ogni commento, ogni "BRAVO!1!" e ogni insulto lui li monetizza. Lo inviteranno alla sagra della salsiccia da qualche parte, 1000‚ā¨ a quel punto vedrai che schifo non fanno, lo intervisteranno a rete sperduta, ci guadagner√† 100‚ā¨ e un altro po' di pubblicit√†. Far√† qualche serata in discoteca, poi magari arriveranno le comparaste in tv, le isole dei famosi affamati e via dicendo. Funziona cos√¨. Pensate a "fenomeni" come Andrea Dipr√©. Che si √® bruciato e quindi in questo sottobosco di pseudo artisti ed ex vip di serie D s'√® fatto uno spazio che lui sta cercando di riempire. Voi vi fomentate, lui gli euro li intasca.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Se non sbaglio, è il sistema in vigore sulla linea C. Roma avrebbe bisogno di massicci investimenti sul ferro., per ammodernare le stazioni, i treni, prolungare tutte le linee e colmare i vuoti che ci sono (es. tra Battistini ed Eur)
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Mamma mia, Spartano, davvero... due persone si amano. Auguriamogli il meglio, perché togliergli l'entusiasmo e le speranze... magari va anche tutto bene! Facciamolo un sorriso ogni tanto, che magari domani siamo sotto un cipresso!
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Signor Bellagamba, in Uk il sistema medico ha pi√Ļ di qualche falla. Lo so per esperienza personale, dopo un'intossicazione fortissima e per esperienza di mio fratello, che ha affrontato per giorni una febbre altissima senza che gli venisse somministrato nulla. Poi √® andato a trovare un amico in Portogallo, ha avuto la prescrizione di un antibiotico, si √® sentito meglio. Si passa da un estremo all'altro. Non √® ottimale esagerare con gli esami preventivi, come sappiamo, e ancor meno prendere antibiotici con leggerezza ma nemmeno lasciar passare sintomi che potrebbero indicare altro perch√© sulle schede c'√® scritto che se la febbre non raggiunge il valore x o non dura il tempo y, allora non c'√® da preoccuparsi. I sintomi vanno anche interpretati, valutati. Evidentemente qualcuno qui non l'ha fatto.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Non voglio dire, ma spesso ai controlli vengono bloccati oggetti assolutamente innocenti di banali e tranquilli viaggiatori (il cavalletto cinese che si rompe anche sotto il peso della fotocamera, gli infradito di gomma che per qualche motivo suonano al metal detector) mentre √® capitato a un mio conoscente di passarlo con un coltellino che aveva lasciato per sbaglio in tasca - e per fortuna il coltellino lui lo usava in campeggio, non per altri scopi - o con liquidi in tasca - questo √® successo al mio compagno, che aveva in tasca l'Argotone che si usa per chi soffre di compressione naso-orecchie durante il volo... ma doveva stare nella bustina dei liquidi, non in tasca- Sarei curiosa di capirne di pi√Ļ.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Nel mio palazzo c'è gente che sa di me cose che io non so... come la capisco! :D
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Ecco, io che sono sempre stata un'anticlericale, devo dire davvero bravo. Un segno di responsabilità verso il pianeta, la nazione, la città. Mi auguro che anche i cittadini seguano l'esempio e cerchino di sprecare meno acqua. Siamo milioni, un piccolo gesto fa la differenza.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
A me invece fa pensare a quanto ero tonta 20 anni fa... la mia lista sarebbe stata: accompagnare al mare mio fratello, fare i compiti per le vacanze, nuotare tanto, pedalare tanto, se possibile fare una gita con mamma e papà. Una specie di animale selvatico, a metà tra il lupo e l'orso, ma trapiantato in mare e pure un po' ritardello! ^^;
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Concordo con chi dice che il "signore" dovrebbe pagare la sala operatoria rimasta occupata e preparata per lui, nonché il danno quantificabile alla lista d'attesa. Considerando quelle del lazio, probabilmente all'anestesia del tipo avrebbero volentieri provveduto i pazienti successivi con la classica botta in testa. Si deve avvisare se non si può andare a una visita, se no sbaglio addirittura in caso non ci si presenti la si deve pagare lo stesso (almeno questo mi risulta in alcuni CUP), figuriamoci far preparare la sala operatoria, mobilitare il personale eccetera...
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Sante parole, purtroppo questa realt√† non viene recepita da un largo numero di persone che proiettano se stessi e i propri tab√Ļ sugli animali. Amare gli animali non vuol dire considerarli identici agli uomini, vuol dire riconoscerne e rispettarne le diverse esigenze e le caratteristiche differenze. Invece si passa dal trattarli come oggetti allo stressarli o rovinarli con atteggiamenti irrazionali.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Cose simili le fa la mia, che apre il rubinetto del bidet per vere. Sono "teste di gatto", ma una risata te la strappano sempre...
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Avendo lavorato 8 anni nel turismo (prima che qualcuno, due anni fa, decidesse che a 37 anni ero troppo vecchia) e l'articolo, per quanto apparentemente frivolo, mi interessa, perch√© racconta la comunicazione anche aziendale al tempo dei social. I travel blog pi√Ļ quotati, che sono in grado di spostare numeri di persone da un luogo all'altro, ma anche da una struttura ricettiva all'altra, sono sempre gestiti da ragazze molto belle, che appaiono nelle foto. La gente, istintivamente, guarda le immagini pi√Ļ che leggere. Se c'√® una figura umana, l'immagine attira di pi√Ļ. Se la figura umana √® femminile e piacevole, meglio ancora: le ragazze si identificano, gli uomini si incantano. Nulla di male, ma secondo me √® un'involuzione della comunicazione da molti punti di vista. Infatti i contenuti vanno semplificati il pi√Ļ possibile, perch√© la gente cerca il colpo d'occhio. Ma questo favorisce un turismo massivo e di scarsa qualit√†, che arricchisce pochi. Un turismo attento all'ambiente, curioso verso le eccellenze locali e le infinite bellezze che la nostra penisola offre in ogni dove, potrebbe salvarci la vita. Il travel blogging for nice ladies √® la declinazione virtuale dei resort tutti uguali.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Poi ci sono le casalinghe per forza, le donne che perdono il lavoro dopo i 35 anni e non riescono a rientrare nemmeno adeguandosi a condizioni lavorative pazzesche. Per loro restano solo i call center outbound, ormai ricettacolo di persone qualificate, licenziate e over 35. E se il poco che guadagni va tutto nelle spese di spostamento, ecco che ti trovi a fare la casalinga. Anche se desideravi altro e frutteresti meglio altrove. Perché il problema è non poter scegliere. Se una donna fa la casalinga per scelta, in maniera serena, è un conto. Se è obbligata e soffre l'imposizione delle circostanze, è un altro.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Qualcuno sa se si transita in Via della Maglianella/Gra uscita 2? Alle 18 c'era una colonna di fumo, ora l'elicottero che getta acqua.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Ieri ero a visitare gli scavi di Lucus Feroniae, da lontano si vedevano le colonne di fumo di due incendi, uno dei quali era quello di Pietralata. Roma è circondata da seccume, non piove, quando lo fa si tratta di precipitazioni così violente che l'acqua non ha modo di penetrare in profondità e, anzi, lava via la parte superficiale e fertile del suolo. Sarà un'estate molto delicata sul fronte incendi, siano spontanei, dolosi o composti, sarà un'estate delicatissima e speriamo non troppo lunga.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
A Montespaccato c'è tantissimo fumo, penso brucino le sterpaglie del GRA, è entrato dalle finestre portato dal vento e ha appestato l'aria dentro e fuori... :(
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Qualcosa mi dice che proverò a candidarmi...
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Spiccare per il proprio odore su quello che, se non sbaglio, è uno degli ultimi intercity che dal Piemonte raggiunge la Calabria è davvero notevole... chapeau. Ci ho fatto certi "viaggi della speranza" su quel treno, che se li racconto a chi non usa certi mezzi, non mi si crede. Ricordo la "Famigli Caccoloni", il cui papà si era anche tolto la mano dal naso per aiutarmi a mettere lo zaino nel porta bagagli. Chiaramente ho fatto da me. Aveva due figli rumorosi e maleducati come i genitori: Tossicchio e Sputacchio. E ricordo Caciottina, una preadolescente che guardava i Cesaroni senza cuffia sul suo tablet. Il nome viene dall'odore che emanava. Per cui, vi giuro, mi spaventa immaginare cosa dovesse essere il passeggero dell'articolo per causare la fuga degli altri...
dalla notizia:
Utenti più attivi / 7 giorni
con 277 commenti
con 181 commenti
con 97 commenti
con 94 commenti
con 90 commenti
Utenti che segue
Ancora nessun utente!
Utenti che lo seguono
Nessun follower, per ora!
QUICKMAP