FedericoMarini

Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Il Veneto ha molti primati, ma latita nel campo della cultura ed in un certo senso la Lega lo interpreta al meglio e il liceo classico di Matteo Salvini é un 'anomalia. Quasi che due Cattedrali, l'Università a Padova, e l'Arena a Verona siano separate dalle città con una membrana impermeabile che non lasci transitare nè cultura classica nè cultura medica. Il tema dei vaccini é vittima spia di questa condizione.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Alessandro di Battista, stando alla sua biografia é strettamente legato alla Casaleggio associati, ch'è , in pratica, il suo datore di lavoro extraparlamentare, che gli commissiona libri, sul terzo mondo,quale esperto, sul campo, dei diritti umani ,che lo ha visto vincere il primato di bugiardo nel 2014. Quindi, se si aggiunge ch'è nato nel 1978, la rinuncia al secondo mandato, l'ultimo , secondo la norma delle cinque stelle, è una scelta intelligente. Preferisce un secondo mandato, che lo ponga ai vertici, anche se giocare sul futuro, in politica non sempre é saggezza..
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Prescindendo dal rinnovamento topografico del rituale d'investitura, prima a Berlino,ora a Parigi,va sottolineato come questo incontro non mette in guardia contro lo schieramento di destra ,sia in Francia che in Italia, ma contro alcuni nomi e cognomi, Marina Le Pen e Matteo Salvini, tacciati di populismo, quasi volesse volutamente mettere al riparo la destra da intromissioni anomale che non le appartengono.. E questo si porta a riflettere, come elettori di una prossima scadenza elettorale,sul voto a destra, che assume una duplice valenza ,ad esempio si ad una destra liberale berlusconiana, no ad una destra rozza leghista, o viceversa e probabilmente , anche a sinistra , se anche qui' ci si riunisse genericamente in una anomala coalizione a quattro gambe., ci imbatteremmo in un si /no alla sinistra ed un si/no al centro sinistra. Con queste premesse si potrebbe uscire dall'impasse post.elettorale solo dando al si o no valori di preferenza non di esclusione.. Ma √© l'ambiguit√† ad aver vinto in definitiva le elezioni. La vittoria di Macron in Francia ,forse, in assoluto √© vittoria di minoranza, ma √© stata l'unica soluzione possibile e, penso che .su questo, abbiamo ancora tutto il tempo per riflettere. In pratica dovremmo prendere atto che i partiti tradizionali sono solo morti che camminano,ma l'alternativa, le 5 stelle ,cio√® l'ignoranza assoluta al potere,avrebbe risultanze ancora pi√Ļ infauste Non ci resta che andare, per alcuni anni, ad elezioni formali, con governi formali, che potranno sopravvivere e portare a qualche giovamento, soltanto se,navigheranno a vista, mettendo pezze qu√† e l√†, guidati da chi abbia la saggezza di affidarsi alla corrente e la corrente la fanno la Banca europea, gli industriali innovatori, il prezzo del greggio e magari un'impiego intelligente delle rinnovabili e dell'elettrico, un popolo che non urla ma cerca di vivere e lavorare onestamente, produttivamente, mettendo tutte le sue capacit√† al servizio della collettivit√†, senza dimenticare che per vivere bisogna avere il piacere di vivere,
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Non esiste alcun approccio ideologico del Governo italiano alla mobilità stradale e Marchionne dice tante parole, una cortina o nebulosa di parole,pur sapendo che c'è molta differenza tra l'impatto del petrolio bruciato in una centrale e quello dello stesso petrolio bruciato da milioni di auto nelle città, per nascondere che in Italia l'elettrico è ancora al punto zero e la Fiat, io uso vocaboli del passato, del quale é il Ceo, continua a produrre solo motori a propulsione termica ,unico esempio in un mondo che guarda ,ormai,oltre.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Macron sostituisce la Merkel,come "punto di riferimento dell'unione europea"ma ci avvicina alle prossime elezioni nazionali,senza aver capito che Macron,superando la destra e la sinistra,come il passato, rappresenta in Francia quella svolta che l'Italia,dovrebbe saper leggere e possibilmente copiare.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Lo scenario politico europeo, ed in particolare quello nostro ed adesso anche della Germania , con non pi√Ļ la Merkel eterna ma con la Merkel logorata che il WSJ chiama Leader dell'Europa.,ha qualcosa del palcoscenico e particolarmente di un palcoscenico , dove non si confrontano idee,ma personaggi, anzi le loro ombre,perch√© i corpi sono logorati dal tempo o ridotti a frammenti dagli affamati cannibali che li circondano. Questo √© il cast dei recitanti,che sanno tanto di "amarcord " e poi ci sono i nanetti,che salgono su trabiccoli per apparire giganti E i testi sono conformi,non raggiungono la dignit√† della tragedia, ma bivaccano ai margini con la commedia, che di brillante ha solo quel misto di grassa risata e sghignazzo che proviene dallo spettatore.. Atene non c'√© pi√Ļ e nemmeno Sparta, √© tempo di accorgersene, i paesi hanno bisogno di essere guidati verso un futuro che √© alle porte ed i governi democratici non riescono a svolgere pi√Ļ questo ruolo, si √® persa la sacralit√† del potere,per paura del potere e ci siamo ridotti all'assalto alla diligenza,, non c'√® il principe, che bussa alla porta, minacciando di sfondarla ma il suo servo al quale mi diletta prestare il volto di Antoine Simone,ciabattino.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
E Macron d√† alla Francia, beffando l'Italia, la palma del paese pi√Ļ umanitario accogliendo i primi rifugiati evacuati dalla Libia,ad opera dell'Alto Commissario dei Rifugiati delle Nazioni Unite. L'Italia ha consegnato degli schiavi alla Libia, la Francia li ha liberati, questo √© il messaggio.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Andrea Orlando, il ministro della giustizia ha la faccia giusta per questo momento della vita del paese,dominato dall'equivoco e dall'interrogativo "amico,nemico? " e questa faccia √© come quella della Camusso, √© meglio diffidarne,perch√© come Giano bifronte, non sai dove guarda. Sia Orlando che la Comusso recitano ruoli di copertura, uno di ministro della giustizia , l'altra di segretaria generale di un sindacato,in effetti il primo √© la raffica di un mitragliatore silenziato con bersaglio Renzi, la seconda , addirittura l'artiglieria della sinistra pi√Ļ a sinistra.,
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Ma non mi convince nemmeno la compattezza della coalizione ,non coalizione di destra con questo ripudio delle elezioni proposte saggiamente da Berlusconi a maggio, che sa di crepa ,candidata a crepaccio. Ed oggi ho sentito la prima uscita sapiente di Bersani, che non vale solo a sinistra, ma anche a destra"ci rivediamo dopo le elezioni". Oggi , a dire la dura verità lo scontro tra i partiti politici, che non è solo italiano e pre- elettorale, se Marina le Pen chiama il gruppo politico di Macron setta e il suo popolo "temoins de Jupiter, é dominante come mai",ma quello ch'é tipicamente italiano é la complicità dei media sia la carta, stampata sia la tv,che navigano come superbi cigni reali in un lago dalle acque di colore sospetto e maleodoranti.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Le nuove elezioni politiche in Italia e i loro risultati saranno oggetto di studio non della politologia, ma della psicologia pi√Ļ avanzata,e temo della psicopatologia, perch√© riveleranno il profilo umano dei principali candidati e temo che ne vedremo delle belle, si fa per dire.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
La verità é che a sinistra la coalizione non decolla e lo fanno chiaramente capire anche alcuni della minoranza PD ,come il ministro della Giustizia, Orlando, che fa della sua ambiguità quasi ragion di essere ,non per questioni di programma dalla chiara lettura di sinistra,ma per la presenza di Matteo Renzi, come premier.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Molti anni fà queste notizie ci facevano sorridere,era il lato oscuro,che tutti conoscevano di una grande Istituzione ,che ha creato una religione a misura d'uomo con il peccato ed i perdono proteggendolo, ansioso, com'era di Dio,da credi deviati che imponevano, invece, i ceppi della perdizione eterna,di una istituzione traghettatrice di cultura,che rischiava di andare perduta,di una istituzione che ha fatto dell'arte la seconda vocazione, e che oggi ci parla di pace e di ambiente. Le parole , non di ovvia condanna, ma di odio che leggo, non appartengono alla cultura del popolo italiano, sanno di protestantesimo stantio o di ebraismo bilioso.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Una ipotesi di avvelenamento ,penso, sia già sul tavolo.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Penso che sia tempo di smetterla di andare addosso al Presidente siriano Assad e che sia tempo anche di fare pressioni, s'è necessario militari, su Israele, e questo lo farà ,credo, presto la Russia, per la restituzione alla Siria delle alture del Golan.E' qui', infatti, e precisamente nella zona demilitarizzata,che cominciano a sentirsi rumori di sciabole.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Vorrei uscire dal ruolo di commentatore di notizia e chiedere ai lettori prima di riflettere e poi,magari, rispondere ad un quesito che da anni vaga nella mia mente e che, quindi non pu√≤ esserne accusata l'et√† avanzata ed eventualmente l'Alzheimer,sempre in agguato. La Mafia e questo vale per tutte le mafie,siano alle origini siciliana o calabrese,√© ormai una sorta d'istituzione, che se domani crollasse,manderebbe al rogo un mondo che per essere contro si √® in definitiva creato intorno? E,quindi, in un certo senso √© come l'economia sommersa, della quale poi √® una gran parte, male ma senza la quale il male sarebbe ancor maggiore. Credo di aver letto che la Mafia giapponese,forse la pi√Ļ potente del modo,,durante la seconda guerra mondiale si √® guardata bene dal dimenticare"prima il Giappone" a differenza di quella italiana, che pure ridotta a pezzi dal fascismo, ad Augusta si √® data da fare tanto da meritare plauso e premio dai nostri liberatori, ed inoltre la sua massiccia presenza nel paese non sembra, a differenza di quella di casa nostra, danneggiarlo. economicamente.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Con l'aria che tira quell'immagine potrebbe diventare celeste.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Mentre noi ci perdiamo dietro il cadavere du curtu, Macron, in Francia , si occupa di politica estera,quella branca della politica che non ci vede mai protagonisti, anzi ci vede,,speriamo che, almeno, ci veda, sempre assenti.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Totò Riina"u curt" da morto fresco monopolizza i media nazionali con gli ascolti alle stelle e mi chiedo di cosa si occuperebbero,oggi e nella prossima settimana, questi media se egli non ci fosse o meglio non ci fosse stato? Ed il Questore di Palermo Renato Cortese c'informa anche che il prossimo capo di cosa nostra non sarà Messina Denaro, come se parlasse del sindaco di Palermo, quasi che Cosa Nostra, rientrata in Italia con la firma del colonnello Castellano sul trattato di resa agli alleati nel 1943,faccia ormai parte delle istituzioni nazionali, proprio quello che volevano i nostri liberatori. Se lo Stato funzionasse, domani all'alba, tutti i mafiosi siciliani, vedrebbero arrivare nelle loro case, non la polizia, ma i servizi, che li impacchetterebbero e li spedirebbero, sani e salvi, in luogo protetto e Messina Denaro non avrebbe il ruolo che la Primula Rossa ha avuto nella Rivoluzione Francese.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
E' morto nel giorno del suo ottantasettesimo compleanno, Totò Riina,il capo di Cosa Nostra e ho l'impressione ,forse sbagliata e me lo auguro che lo Stato, e per me lo Stato,anche in democrazia deve esercitare un potere sovrano,inspirato a incondizionate durezza e pietas ,sia quasi stato colto alla sprovvista da una morte da tempo annunciata, come proverebbe l'inutilità della decisione del ministro della giustizia di consentire che i suoi familiari potessero dare al morente un'addio, quando la morte ha consegnato loro già un cadavere. Questo Stato ha tardato nella pietas non perché per durezza abbia ritenuto giusto tardare, ma perché timoroso di offendere, sbagliando i tempi, la sensibilità delle vittime e questo stato, scriverlo a caratteri piccoli ha un preciso significato, oggi si sente colpevole ed é colpevole di non essere stato Stato,
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Vigliamo tornare cin i piedi per terra? La omosessualità assoluta come malattia o no ha sempre diviso la medicina,come scienza, non come medicina di nazionalità italiana o meno, fino a quando dagli Stati Uniti è iniziato un processo di revisione, su pressione della politicamente potente e ricca lobby omosessuale americana. Questo processo di revisione ha portato al giudizio attuale ch'é principalmente di natura sociologica, in pratica il sociale si é imposto sullo scientifico. Oggi ,ufficialmente, la omosessualità é un terzo sesso .
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Voglio dire grazie al Messaggero per avermi consentito di uscire dalle regole. L'inno nazionale ai miei tempi era la "Marcia reale" e"Viva il Re" emozionava noi ragazzi, che non eravamo avanguardisti o giovani fascisti, ma solo ragazzi italiani del liceo Galluppi di Catanzaro e quella emozione ha portato molti di noi, prima a rubare tutto il rame che c'√®ra in casa, per donarlo alla Patria , con l'impossibilit√† poi di cucinare. e poi morire .come per gioco,nel deserto egiziano e libico,perch√© non c'era altro mezzo per bloccare i cingoli dei carri armati alleati che la molotov da agganciare a mano. Fratelli d'Italia non mi emoziona altrettanto, ma mi emoziona l'amore per la Patria, questo bene andato perduto, del quale quasi ci si vergogna, salvo che non si vinca un mondiale.. La questione libanese dovrebbe importarci, essere tra le notizie importanti, perch√© Libano, significa, Iran, Israele, tutto il Medio Oriente,il Mediterraneo, il nostro non pi√Ļ Mare Nostrum., significa la negletta Palestina. L'assenza dell'Italia mi fa piangere,
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Lo vogliono distruggere e ci stanno riuscendo, ma distruggono anche il nostro cinema,che ricominciava a riprendersi. Ma ormai, a mio parere siamo di fronte alla rivolta del sesso femminile sul sesso maschile, già profondamente indebolito dai passaggi piuttosto frequenti nel terzo sesso e dalla consapevolezza diffusa che in, definitiva,disponendo di una buona riserva di liquido seminale per soddisfare il desiderio di maternità , per il piacere se ne può fare a meno,senza sacrificio. La mia venerabile età mi consente di aver raggiunto la pace dei sensi e di non preoccuparmi, ma chi è oggi giovane rischia di veder cancellata una delle poche ragioni per vivere il" cherchèz la femme".
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Sono contento, ma vorrei chiedere al Messaggero di consentirmi di usare questo spazio per esprimere la mia costernazione per la mancanza di notizie di politica estera, come ad esempio sulla crisi libanese , che dovrebbe interessarci per la presenza di nostre truppe. Non posso che dolermi, anche, per l'assenza del nostro governo nella condanna all'Arabia saudita,che detiene il primo ministro libanese, sia pure in una prigione dorata.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
La Patria, checché se ne dica é morta nel 1943 per colpa di una guerra perduta, di un'alleanza interrotta e capovolta, della occupazione dello stivale da truppe di quasi tutte le nazioni del mondo, di una guerra civile tra Regno d'Italia e Repubblica di Salò, in ogni caso é morta,sostituita da vocaboli ambigui," Llberazione" e "Resistenza",dal significato, che i posteri si affanneranno a decifrare inutilmente. Anche l'onore delle nostre donne é andato perduto con la nascita di un nuovo vocabolo "marocchinata". Ma c'è rimasto solo il campionato di calcio con la "Nazionale". Ora anche questa da ieri é latitante.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Guardiamoci allo specchio e lo specchio non mente, quelle facce ,che hanno dato ad altri la licenza di uccidere sono le nostre facce. . Siamo tutti colpevoli,prendiamone coscienza, ognuno di noi ha commesso coscientemente genocidio augurandosi che non arrivassero da noi, ma finissero altrove,forse nelle profondit√† del mare, forse all'inferno quelle migliaia di donne e bambini che ci tendevano una mano in cerca di aiuto. La politica ha fatto la sua parte dicendoci che dovevamo difendere i nostri confini,ma la colpa √© la nostra, che abbiamo ascoltato e abbiamo detto si.. Ora possiamo dirci soddisfatti, i nostri confini sono pi√Ļ sicuri, i nostri bambini bianchi potranno frequentare una scuola di bambini bianchi, non incontreremo pi√Ļ donne velate., ma dobbiamo evitare di riflettere,dobbiamo evitare di addormentaci e sognare,perch√© le nostre facce nei nostri sogni ci faranno paura.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
L'ONU ha ragione,l'Europa ed in prima fila l'Italia per ridurre l'immigrazione ha fatto della Libia un'enorme prigione ove i diritti umani non sono disattesi ,ma calpestati.Ancora una volta la civiltà occidentale ha voltato le spalle alla civiltà. Forse non c'era altra alternativa per mettere a tacere le proteste interne, ma da questo momento la parola umanità dovrebbe essere cancellata dai nostri vocabolari e il genocidio che si sta compiendo lontano dai nostri occhi, ma del quale siamo coscientemente responsabili, rischia di avere un primato assoluto tra i genocidi. Siamo quello che siamo, prendiamone coscienza.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Si è sempre saputo che nel clero cattolico l'omosessualità non è una eventualità ma una costante o quasi e probabilmente alla base c'è una lettura errata della tanto decantata chiamata da Dio. C'e da dire che in tutte le organizzazione unisessuali incombe il rischio della omosessualità, ma nel clero l'incidenza é così massiccia da imporre una riflessione. addirittura sulla santità precoce da leggere con sospetto.e credo che la famosa voce degli angeli, la ricerca affannosa, quasi spasmodica di una voce, che non avesse connotati sessuali, nascondesse in effetti una poco velata propensione verso la omosessualità. Parlo ovviamente della omosessualità maschile. mentre quella femminile, della quale si parla poco, incide nella stessa misura con la quale incide in ogni organizzazione unisessuale. Se fossi genitore e mio figlio mi dicesse "papà mi sento chiamato da Dio" io lo interpellerei cosi"s...i figliolo?"
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Carlo ha dato un giudizio corretto e perché il lettore possa capire quanto fosse giusta l'opinione del Principe, lo invito a leggere "The Forward",che no è un giornale antiebraico ma"News that matters to american jews" o digitare "The right has a new palestinian strategy: just declare victory.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Questa volta debbo fare i complimenti al Presidente degli Stati Uniti Donald Trump.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
L'arresto di Roberto Spada √© giustificata dalla traumatica testata sul naso del giornalista Daniele Piervincenzi, ma questi pi√Ļ che intervistarlo, sembrava volesse pronunciare un'arringa ,mettendogli in bocca le risposte che voleva. A mio parere , i giornalisti debbono fare domande scomode, ma lasciar parlare l'intervistato,non suggerirgli le risposte,che fanno vendere di pi√Ļ, e questo stava facendo il giornalista testato. FM
dalla notizia:
Utenti più attivi / 7 giorni
con 130 commenti
con 91 commenti
con 86 commenti
con 84 commenti
con 51 commenti
Utenti che segue
Ancora nessun utente!
Utenti che lo seguono
Nessun follower, per ora!
QUICKMAP