Foligno, movida sotto la lente
due arresti per spaccio di droga

di Giovanni Camirri
FOLIGNO - Movida sotto la lente, il controllo dei flussi e persone e veicoli su tutto il territorio di Foligno e Comuni limitrofi,ha portato a due arresti per droga. Con l’inizio della stagione estiva e l’aumento delle presenze nella “movida” cittadina, il Commissariato  di Foligno, diretto dal vice questore aggiunto Bruno Antonini, ha intensificato l’attività di controllo per la prevenzione e la repressione dei reati. In tale contesto sono state messe in campo unità sia in uniforme, con attenzione ai locali e agli avventori, che in abiti civili, con controlli “discreti” soprattutto per prevenire reati non solo predatori ma anche concernenti stupefacenti. Grazie a questa attività, in un’operazione congiunta dei Commissariati di Polizia di Foligno e Spoleto, quest’ultimo diretto dal vice questore aggiunto Claudio Giugliano, sono stati arrestati due giovani, ai quali è stato contestato il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. I due, di anni 21 e di anni 24 residenti nel Folignate, sono stati monitorati dagli agenti dei due uffici di Polizia e una volta avuto piena contezza dell’attività illecita sono stati fermati e sottoposti ad accurato controllo. A seguito di perquisizione, personale sul posto e presso il domicilio successivamente, sono stati rinvenuti alcuni involucri si sostanza stupefacente risultata poi essere tipo “hashish”, ed altri involucri contenente sostanza risultata poi essere “cocaina”, oltre ad una ingente somma di denaro in contanti. Nell’autovettura occupata dai due è stato poi rinvenuto un bilancino di precisione ed altri strumenti notoriamente utilizzati per il confezionamento di dosi pronte per essere vendute al dettaglio. La sostanza stupefacente rinvenuta e sequestrata è pari a circa 100 grammi del tipo “hashish” e circa 120 grammi del tipo “cocaina”. La somma di denaro rinvenuta, e successivamente sequestrata quale provento di attività di spaccio, è pari a circa 3.000 euro. I due arrestati, come disposto dal sostituto procuratore di turno della Procura della Repubblica di Spoleto, sono stati inizialmente condotti presso i rispettivi domicili in regime di arresti domiciliari. Successivamente l’autorità giudiziaria  ha disposto nei loro confronti l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. Sulla vicenda proseguono le indagini degli investigatori del Commissariato.
Venerd├Č 11 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 11:13

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP