Condannato a due anni l'allevatore della mucca che uccise un automobilista

di Andrea Arena
Quasi sei anni era morto investendo, con la sua Audi A4, una mucca piazzata quasi nel mezzo della carreggiata della strada provinciale martana. Oggi, il 40enne di Montefiascone ha avuto giustizia, anche se troppo tardi: il proprietario di quel bovino è stato condannato infatti a due anni di reclusione (pena sospesa) e a pagare una provvisionale di 5mila euro, con ulteriore risarcimento da stabilire in sede civile. Così ha deciso il giudice monocratico Silvia Mattei, che ha riconosciuto all'imputato le attenuanti generiche.

I fatti risalgono alla notte tra il 14 e il 15 giugno del 2011, tra Tuscania e Marta. Dopo un dosso, l'uomo al volante della sua auto si scontrò col bovino, piazzato di dorso in mezzo alla carreggiata. Un urto fortissimo, che provocò qualche giorno dopo la morte dell'uomo. Durante il processo è emerso come la mucca fosse uscita dal terreno di un agricoltore, prima abbattendo la recinzione col filo spinato, poi superando un fosso, quindi percorrendo un tratto di strada bianca e arrivando infine sulla provinciale. Il tutto, aggirando il cancello di solito chiuso.

L'accusa aveva chiesto una provvisionale di 100mila euro per gli eredi dell'automobilista. Invece la difesa aveva chiesto l'assoluzione facendo notare la presenza, alcune centinaia di metri prima, di un segnale stradale di attraversamento di animali domestici che, insieme al dosso, avrebbe dovuto far decelerare l'automobilista. Nonché la totale buonafede del proprietario dell'animale.

Ma alla fine ha prevalso l'immagine della mucca (troppo) avventurosa, tanto da diventare mortale.
Mercoledì 15 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 16-03-2017 11:46

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-03-16 16:29:18
Non sempre i bovini scappano dalle recinzioni, a volte vengono lasciati bradi dai proprietari e vanno sulla carreggiata. A me è successo sulla strada da Trevi nel Lazio a Filettino nel frosinate. In quel caso la responsabilità è evidente...
QUICKMAP