Distretto ceramica, azienda chiude: rischiano il posto cinquanta lavoratori

Lo stabilimento dell'Art Ceram
di Ugo Baldi
Suona l’allarme occupazione nel distretto della ceramica di Civita Castellana. Da ieri tra i lavoratori della fabbrica Art Ceram si è materializzato lo spettro della disoccupazione; per i dipendenti - dopo aver informato anche il sindacato di categoria Filctem-Cgil - si preannuncia l’improvvisa chiusura dello stabilimento di via Monsignor Tenderini.

A dare conferma delle preoccupazioni dei ceramisti è stato, dalla sede di piazza Marconi, il segretario provinciale del sindacato rosso Valentino Vargas: «Ho preso contatti immediatamente con la direzione dell’azienda – ha spiegato il sindacalista – e la notizia non mi è stata smentita. Siamo molto preoccupati: aspettiamo l’ufficialità della decisione, ma già sono scattate le prime iniziative per contrastare una decisione che è incomprensibile, arrivato proprio in una fase di ripresa di mercato molto attiva».
I lavoratori si sono riuniti in assemblea permanente nello stesso stabilimento, fino a data da destinarsi. «Siamo in attesa dell’ufficializzazione o del ripensamento - dice Vargas - ovvero di quella che ci sembra l’unica soluzione possibile per tornare alla normalità. E’ stato un fulmine a ciel sereno, nessuno poteva immaginare uno scenario del genere. E siamo rammaricati e preoccupati perché esistono formule alternative alla chiusura che non penalizzano i lavoratori».

Non è da escludere che la proprietà stia lavorando su un nuovo piano industriale, quello in cui verranno coinvolte altre imprese dello stesso gruppo della famiglia Brunelli - come Hidra e Art Ceram 2 - per ridurre i costi e ridare slancio alle impresa nel suo complesso. In tutto, potrebbero essere coinvolti circa un centinaio di lavoratori, ma di questi ancora non è stato comunicato quanti potrebbero essere licenziati. «Tutto verrà fatto, come sempre, nella massima trasparenza – dice l’amministratore delegato Alberto Brunelli – attraverso i percorsi necessari».

L’azienda è una tra le più “anziane” del distretto viterbese della ceramica, visto che è stata fondata nel 1987, dopo che nello stesso stabilimento negli anni Ottanta aveva preso vita la ceramica Kerariv, che però produceva mattonelle. «Ma con l’avvento del nuovo millennio - si legge nella presentazione della società - l’azienda ha individuato nell’equilibrio fra design, funzione, innovazione e valori, la leva strategica di sviluppo e di affermazione del proprio brand, in Italia e nel mondo».
Sabato 13 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:43

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 74
QUICKMAP