Lo sbarco di Corinti alla Flaminia con vista Viterbo: «tra un anno giocheremo al Rocchi»

Mario  Corinti
di Marco Gobattoni
Due operazioni in un giorno e Mario Corinti è il nuovo socio forte della Flaminia Calcio. L'operazione portata a termine in queste ore, vedrà l'ex responsabile del settore giovanile della Viterbese, salire sul ponte di comando di una Flaminia che chiude così la storica era targata Roberto Ciappici, con quest'ultimo che uscirà di scena definitivamente cedendo le ultime quote rimaste entro dicembre.

L'incontro avvenuto in questi giorni ha sancito l'ingresso nella Flaminia di Corinti che sarà supportato in questa nuova avventura calcistica da alcuni imprenditori viterbesi che garantiranno sponsor vitali per affrontare l'impegnativo campionato di serie D. "Ho acquisito alcune quote della Flaminia e nei prossimi mesi ne acquisterò altre con l'obiettivo di diventare socio di maggioranza entro fine anno - conferma Corinti - a Civita si stava chiudendo un'era ed ho valutato attentamente il da farsi: alla fine ho scelto di continuare nel calcio con questo nuovo progetto".

Nuovo progetto che offre già tanti spunti e possibili clamorose novità: non è un mistero che Corinti abbia provato a prendere la Viterbese da Piero Camilli: l'accordo non è stato trovato e allora il numero uno dei giovani gialloblù ha intrapreso un percorso diverso con l'obiettivo di portare nella prossima stagione una squadra di serie D a Viterbo. Non una squadra qualunque però: nei progetti di Corinti c'è la volontà di riacquistare lo storico marchio della Viterbese: quel Viterbese 1990 che già fa sognare i tifosi.

"Non voglio fare concorrenza a nessuno e non cerco scontri di nessun tipo - svela le strategie Corinti - quest'anno non posso cambiare nome alla società, ma per la prossima stagione stiamo già studiando la formula per riappropriarci del marchio Viterbese 1990. Dove giocheremo? Abbiamo sondato le possibilità Canepina e Tuscania e l'ossatura della squadra sarà quella fatta dal direttore Manfra, che resterà al suo posto insieme al tecnico Vigna con il quale mi incontrerò entro venerdì".

Lunedì scorso a Corinti è stata proposta (da parte dell'amministrazione comunale) anche la possibilità di giocare al Rocchi in alternanza con la Viterbese, ma l'ex responsabile dei giovani gialloblù ha declinato l'offerta proprio per non alimentare possibili rivalità con il club di via della Palazzina. E' andata poi in porto anche la cessione della gestione del settore giovanile della Viterbese all'Italian Football Association, agenzia calcistica che lavora a livello nazionale.  
Gioved├Č 13 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 11:19

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP