Viterbo, tenta di salvare il cane caduto in un dirupo, ma precipita anche lui: morti entrambi

Ha tentato di salvare il suo cane caduto in un dirupo profondo trenta metri, ma é caduto a sua volta ed é morto. È successo oggi pomeriggio a un escursionista di 41 anni di Bergamo che stava facendo una passeggiata nel Parco naturalistico di Vulci a Montalto di Castro (Viterbo). Lo rende noto il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas) del Lazio, intervenuto per recuperare il corpo. E.L., queste le iniziali della vittima, avrebbe tentato di raggiungere il cane che era precipitato poco prima nel dirupo, in cui scorre il fiume Fiora, ma é precipitato nel vuoto. A dare l'allarme la moglie che era con lui.

Il 118 giunto a Vulci per l'ambiente particolarmente impervio ha chiesto l'intervento dell'eliambulanza della Regione Lazio. L'elicottero Pegaso 33 con a bordo il tecnico di elisoccorso del Soccorso Alpino ha sbarcato con un verricello il medico in un luogo opposto a quello della caduta, ma l'uomo era già morto. La salma è stata recuperata in elicottero dal tecnico del Soccorso Alpino e dal medico. Sul posto anche i carabinieri e i vigili del fuoco. Anche l'animale è morto.
Venerdì 8 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 09-09-2017 17:34

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-09-09 13:50:22
Fosse successa a me questa cosa,forse avrei fatto la stessa fine, non avrei mai lasciato il mio cane.Solo chi lo possiede e gli vuole bene può capire.
2017-09-09 03:12:27
Conosco bene quella zona... bellissima e pericolosa... pareti di roccia a strapiombo... certo questo escursionista doveva desistere di cercare di recuperare il suo cane che probabilmente era già morto... una tragedia annunciata... certo ora la moglie si domanderà per sempre perché non lo ha fermato... ma oramai è tardi per i ripensamenti...
2
  • 1,4 mila
QUICKMAP