Giovane di Ceccano trovato morto
in auto, è giallo sulle cause
Per la verità si attende l'autopsia

di Marina Mingarelli e Maria Laura Lauretti
Trovato morto all’interno della sua macchina, è giallo. Dalle prime testimonianze raccolte Tony Carcasole, un ragazzo di 32 anni è stato trovato privo di vita all’interno della sua vettura, una Opel Meriva parcheggiata in via Giovanni Falcone nei pressi del comando dei vigili urbani a Ceccano.
Ad accorgersi di quel corpo riverso sui sedili ieri mattina, alcuni passanti che hanno fatto scattare l’allarme alle forze dell’ordine. Sul posto gli uomini della polizia locale ed i carabinieri della locale stazione che hanno subito avviato le prime indagini. Un medico che si trovava a passare e che per primo ha cercato di prestare soccorso, non avrebbe rinvenuto ferite o altre tracce che possano far ipotizzare ad una violenza consumata. Sul posto è arrivata anche una ambulanza del 118 ma i medici del servizio di soccorso non hanno potuto far altro che constatare il decesso.

LA RICOSTRUZIONE
La morte risalirebbe alla notte precedente. L’ultimo a vedere vivo Tony intorno alle 23 era stato un suo amico. Il giovane avrebbe trascorso la serata insieme al ragazzo in un locale. Poi si erano lasciati dicendo che si sarebbero rivisti il giorno dopo.
La vettura è stata trovata parcheggiata nelle strisce. Segno questo che il ragazzo aveva avuto il tempo di accostarsi prima di essere colto da malore. Il ragazzo ieri sera era uscito di casa intorno alle 19. Ai genitori aveva detto che usciva con degli amici e che sarebbe rimasto fuori per cena. Quella è stata l’ultima volta che la madre ha visto e parlato con il figlio.
I militari dell’Arma coordinati dal comandante Cesare Palladini hanno ascoltato alcuni amici del ragazzo che sarebbe stato visto l’ultima volta mentre si avviava verso la sua macchina, in via Falcone, nella serata di venerdì scorso. Sul posto anche gli agenti della polizia locale con il comandante Flaminio Alteri, tra i primi ad arrivare davanti alla Opel insieme ad alcuni residenti, nel tentativo di rianimare il giovane.
Il medico legale Gabriele Margiotta che ha provveduto ad effettuare la prima ispezione cadaverica sulla salma. Ma per avere la certezza di quello che possa essere accaduto al 32enne bisognerà aspettare l’esame autoptico. In quel contesto verranno effettuati esami tossicologici ed istologici. L’autopsia verrò effettuata nella giornata di martedì.

LE IPOTESI
Il giovane era ancora in cerca di occupazione, era sempre stato considerato da coloro che lo conoscevano e che avevano avuto la possibilità di apprezzare le sue qualità umane, come un bravo ragazzo, di quelli con la testa sulle spalle che non aveva mai dato problemi ai genitori. Fondamentale sarà ricostruire le sue ultime ore di vita. Cosa aveva fatto Tony l’altra sera? E soprattutto cosa aveva mangiato? Tra le possibili cause del decesso, oltre ad eventuali patologie cardiache non si esclude che il giovane possa aver ingerito qualche alimento avariato.
Ma per avere risposte certe bisognerà aspettare i risultati dell’esame autoptico. La ha lasciato nello sconforto non solo parenti e amici ma l’intera collettività fabraterna.
Domenica 27 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 16:37

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP