Elezioni, l'astronauta Samantha Cristoforetti candidata del Pd? «Non ne so nulla»

di Paolo Ricci Bitti
Samantha Cristoforetti, come mai il suo nome fluttua nelle liste dei candidati del Pd per la prossima legislatura? 
Avesse visto un marziano sarebbe stata meno stupefatta l'astronauta trentina al termine di una conferenza sui viaggi spaziali nella sede di piazza San Marco a Roma della Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale con la collaborazione dell'Agenzia spaziale italiana.

«Ma chi lo ha detto? Chi lo ha scritto?» allarga le braccia e precipita dalle stelle la Cristoforetti, 40 anni, appellandosi anche al fatto, specificato poco prima, che lei di fatto trascorre gran parte della sua vita ben lontana da Roma, nel centro di addestramento degli astronauti dell'Agenzia spaziale europea in Germania e il resto fra Usa, Russia, Giappone e, di recente, anche Cina.

Ripresasi dallo stupore, un altro lungo respiro: «Ma non ne so assolutamente nulla di questa candidatura». Come tutto ciò che non riguarda la sua attività professionale, l'astronauta taglia poi cortissimo, ricordando che lei nei prossimi anni si preparerà a una seconda missione sulla stazione spaziale internazionale oppure, ancora meglio, al secondo capitolo dell'esplorazione lunare. Marte? «Magari, sarei pronta anche subito, ma serve ancora molto lavoro». Un sogno, come quello di chi puntava a candidarla.


 
 
Giovedì 18 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 19-01-2018 14:13

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-01-18 20:01:22
Piddini su Marte!
2018-01-18 21:31:35
Un classico del pd...! Una persona così intelligente si va a mettere con degli incompetenti e incapaci ..!?
2018-01-18 21:53:40
meglio rimanere nello spazio, Samantha
2018-01-19 08:42:43
Sono alla disperazione non sanno più cosa inventarsi, ma io da ex votante di questo partito vedo dove sta il male di questo partito, ma il renzismo li ha accecati, un partito che si è spostato tutto a destra fatto solo di gente boriosa che non accetta nessuna critica si sentono i depositari della verità divina, si sono chiusi nel loro tempio, la Leopolda, per adorare il falso idolo che li sta portando l suicidio di massa, chiaramente suicidio politico, sono ormai fuori sintonia con il popolo italiano, il tutto per essere in linea con un vecchio che si porta a casa 880.000 mila euro annui soldi sottratti all'avvenire misero dei nostri giovani.
2018-01-19 09:40:34
Io non capisco, anzi lo capisco troppo bene. I politici, in cerca di consenso, vanno in cerca di persone note da inserire nelle liste. Astronauti, avvocati, persone dello spettacolo e quant'altro. Tutte persone che poi sono sottratte alle loro attività quindi si ha un doppio danno e cioè politici non preparati e professionisti mancanti, anche se in parte, dal loro scenario professionale. Sono solo strumenti di richiamo e il cittadino queste cose le sa, se ne rendessero conto...
10
  • 155
QUICKMAP