Tassa di soggiorno, rincari a Sabaudia. Ecco quanto si paga lungo la Riviera di Ulisse

di Ebe Pierini
Quanto costa ai turisti che scelgono il nostro litorale e l'arcipelago pontino per le loro vacanze soggiornare nelle località balneari, al netto delle spese di viaggio e pernottamento? Per scoprirlo basta scorrere le tariffe delle imposte di soggiorno che i vari Comuni hanno istituito nel tempo. La città di Sabaudia ha modificato il suo balzello proprio nei giorni scorsi. La tassa era stata istituita dall'allora commissario prefettizio nel maggio del 2013 ed ammontava a 80 centesimi a stella per ogni struttura del territorio. Poi era stata abbassata a 50 centesimi dall'amministrazione Lucci. Ora torna alla tariffa originaria di 80 centesimi e viene applicata per un massimo di 5 pernottamenti consecutivi per viaggi individuali e fino ad un massimo di 3 giorni consecutivi per viaggi di gruppo con almeno 20 partecipanti, dal 15 marzo al 30 settembre e per tutto il mese di dicembre. La rimodulazione della tariffa è stata giustificata dal sindaco Giada Gervasi con la necessità di fornire migliori servizi a turisti e cittadini. Lo scorso anno il Comune ha introitato dall'imposta 70.000 euro che sono stati ritenuti troppo pochi per apportare le necessarie migliorie all'accoglienza dei visitatori.
Novità anche a Terracina dove il regolamento sull'imposta di soggiorno è stato modificato lo scorso dicembre: esteso il periodo di applicazione dal 1° aprile al 31 ottobre e gli affitti degli appartamenti sono stati equiparati alle strutture ricettive nella modalità di calcolo. Non esiste più una quota forfettaria stagionale ma viene conteggiata ogni notte per ciascun ospite fino ad un massimo di 5 notti. Il costo è di 50 centesimi a stella. Anche a Minturno e Scauri dal 1° aprile al 31 ottobre di quest'anno si pagherà la tassa di soggiorno pari ad 1 euro a stella per 6 pernottamenti. A Fondi invece dal 1° aprile al 31 dicembre si devono sborsare 50 centesimi a stella. A Gaeta l'imposta comunale di soggiorno è dovuta dal 1° aprile al 30 settembre nella misura di 50 centesimi a stella per dieci pernottamenti.
Sperlonga invece pretende il versamento di un'imposta di 2 euro al giorno dal 1° aprile al 31 dicembre.
Per quanto riguarda le isole dell'arcipelago pontino invece la scelta delle amministrazioni è stata quella di non istituire una imposta di soggiorno ma di optare per una tassa di sbarco. Il Comune di Ponza ha stabilito la tariffa di quello che è stato definito un contributo di sbarco che è attivo per tutto l'anno: 2,50 euro che possono arrivare a 5 in particolari periodi. Più economica Ventotene: 1,50 euro a passeggero. Chi non volesse pagare il balzello può scegliere San Felice Circeo: fino ad oggi le amministrazioni comunali che si sono succedute hanno scelto di non tassare i turisti.
Ebe Pierini
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luned├Č 12 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 10:55

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP