Fondi alla Lega, blitz in Lussemburgo, i pm a caccia dei pagamenti di Parnasi

di Valentina Errante
«Lega c’abbiamo cento e cento» diceva Luca Parnasi al suo collaboratore alla vigilia delle elezioni dello scorso marzo. L’imprenditore che doveva costruire lo stadio di Roma, ma è stato arrestato a giugno per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e al traffico di influenze, organizzava così le modalità di finanziamento ai partiti. Nelle intercettazioni si compiaceva che il suo nome fosse legato al Carroccio. I soldi calcolati dai carabinieri destinati alla Lega raggiungono i...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 13 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 18:37

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-09-13 09:17:44
....... quelli che URLAVANO HONESTà stanno zitti come mai???????
2018-09-13 09:05:59
Alla ricerca del Nemo perduto. Il regno dove il tutto è nascosto ma tutti lo vedono.
2
  • 42
QUICKMAP