Pay tv piratate, cinque arresti in Italia e Germania

Perquisizioni e arresti in tutta Italia per l'operazione Spin Off, coordinata dal procuratore aggiunto della Dda di Roma, Michele Prestipino, e condotta dal Nucleo di polizia tributaria ha portato a 5 arresti, 20 perquisizioni e indagini su centinaia di utenti che ora rischiano sanzioni economiche di centinaia di euro ciascuno. 
 

L’operazione è in corso anche in Svizzera, Germania e Spagna con la collaborazione, rispettivamente, della Polizei Basel-Landschaft, della Kriminal Polizei e della Policia Nacional, dirette dalle rispettive Autorità giudiziarie, a loro volta attivate tramite due rogatorie internazionali e un ordine di indagine europeo.

Attraverso indagini tecniche e “sul campo” gli investigatori del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Capitale hanno ricostruito il funzionamento di una struttura criminale piramidale che aveva il suo core business nell'illecita decriptazione e diffusione di contenuti televisivi pay-per-view attraverso la rete internet.

Fulcro dell’organizzazione erano le centrali “sorgenti” – situate presso società, attività commerciali, abitazioni private, garage e capannoni industriali – all’interno delle quali erano installate apparecchiature informatiche in grado di decriptare il segnale delle emittenti paytv Sky Tv e Mediaset Premium, utilizzando schede regolarmente acquistate dai membri del sodalizio o da terzi, per poi farlo confluire su server esteri appositamente noleggiati. Dopo aver creato, in tal modo, il bouquet di canali, il gruppo criminale provvedeva ad abilitare i clienti privati alla visione, tramite codici di accesso, su smart-tv, personal computer, tablet e smartphone, dietro pagamento di “abbonamenti” illeciti a prezzi fortemente concorrenziali (tra i 15 e i 20 euro, a fronte di un valore commerciale di oltre 100 euro).

Il volume d’affari complessivo ricostruito dal 2015 ad oggi ammonta a oltre un milione di euro. Gli indagati sono 49 per reati in materia di pirateria audio-visiva e riciclaggio. Nei confronti di 12 di essi si procede anche per il reato di associazione per delinquere. Tra questi ultimi figurano i 5 cittadini italiani, promotori del sistema, destinatari della misura di custodia cautelare (i primi 4 in carcere e l’ultimo agli arresti domiciliari):
Mercoledì 16 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 17-05-2018 19:47

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2018-05-16 17:55:32
Voglio fare un pieno di pollicioni versi e mi rivolgo a tutti coloro che parlano di questa organizzazione come di novelli Robin Hood. Noi italiani siamo bravissimi a catalogare i reati buoni (quelli che ci convengono direttamente) da quelli cattivi (quelli che convengono a tutti gli altri). Per tutti costoro il reato, se danneggia "il padrone", in realtà non è reato anzi è un atto di giustizia sociale. Sappiate cari signori che la nostra fama internazionale di POPOLO DI MAFIOSI ce la siamo meritata proprio sostenendo questa teoria. Il problema, purtroppo, è che hanno ragione!
2018-05-16 17:37:44
FINALMENTE, ERA ORA
2018-05-16 17:28:45
rubano milioni e nn vanno in galera e x vedere skay senza abbonamento ti arrestano. Ma che la in- giustizia italiana e' all' inverso?
2018-05-16 14:58:29
I primi delinquenti sono quelli di Sky che aggirano l'antitrust con prezzi folli. Dovrebbero essere in galera anche loro.
2018-05-16 14:29:39
piratate??????????????
QUICKMAP