Insulti su Facebook ai romeni "maleodoranti". La modella si pente ma viene condannata

Michela Bartolotta
Il pentimento non è bastato. E neppure l’evento pubblico riparatore è servito ad evitarle la condanna. Quattro mesi di reclusione, con la sospensione condizionale e la non menzione, per aver violato la legge Mancino, secondo quanto scrive il Gazzettino. È la pena inflitta dal tribunale a Michela Bartolotta, ventiduenne commessa in un negozio di telefonia del centro, accusata di aver diffuso «idee fondate sull’odio razziale o etnico».

L’infelice post pubblicato sul suo profilo Facebook il 14 luglio di quattro anni fa aveva provocato un’ondata di critiche. La ragazza, con qualche esperienza in passerella alle spalle, se l’era presa con una delle comunità straniere più numerose in città. «Io e il popolo romeno non andremo mai d’accordo - queste le parole intrise di razzismo - tra badanti depresse e altri elementi maleodoranti privi di civiltà ed educazione». Il post si era conquistato una cinquantina di like tra gli amici della giovane. Poi il pentimento, che però non è bastato ad evitare una condanna.
Mercoledì 16 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 17-05-2018 19:48

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 42 commenti presenti
2018-05-16 18:43:10
Wow... 4 mesi di reclusione perchè si è scritto un pensiero forse un pò pesante ma veritiero su Facebook mentre i stalker di donne che provocano violenze psicologiche e fisiche su di esse sono puniti con la "severa condanna" ai domiciliari perchè le carceri sono sovraffollate e quindi bisogna rientegrarli nella società...continuiamo così. PD,FI,Lega,FDI,M5S invece di proporre progetti marziani come la flat tax o il reddito di cittadinanza perchè non riformate il codice penale e con i soldi a disposizione per la sicurezza dell'Italia non costruite altre carceri per i veri criminali?
2018-05-16 15:03:44
4 mesi di reclusione?? Ma siamo matti!!!
2018-05-16 13:41:37
Secondo me dovrebbe essere considerata la COMPLICITA' di FACEBOOK che dovrebbe controllare tutto ciò che METTE ONLINE analogamente a quello che fa un venditore nel suo negozio. Poco importa se la cosa è stata scritta da altri: se non sei in grado di esercitare un controllo non devi permettere la pubblicazione (come i commenti del messaggero). Lo fanno solo per video e canzoni protette da copyright ..... certo loro sono importanti
2018-05-16 13:38:23
A me sembra libero pensiero
2018-05-16 13:29:59
Faccio il pendolare da anni e anni e incontro sia italiani/e che stranieri/e maleodoranti e maleducati/e, statisticamente penso di poter asserire con una certa tranquillità che sono più numerosi i secondi. Quindi è razzismo se dico che i pakistani/bengalesi/cingalesi puzzano di spezie e cucinato e che i romeni/bulgari/moldavi di alcool e sigaretta anche alle 7 del mattino (figuriamoci la sera)? E' un dato di fatto!
42
  • 804
QUICKMAP