Caso Moro, Maria Fida: «Che palle per il quarantennale lo dico io, Balzerani e altri Br stiano zitti»

«Che palle il quarantennale lo dico io, non i brigatisti. E non Barbara Balzerani. Loro dovrebbero solo starsene zitti». È il messaggio che Maria Fida Moro, primogenita di Aldo Moro, lancia nella seconda parte del video-appello intitolato 'Adesso Bastà e inviato oggi alla stampa. Nel video la figlia del presidente Dc risponde alle dichiarazioni rilasciate da alcuni brigatisti in occasione del quarantennale del rapimento e uccisione di Aldo Moro.



«Io posso lamentarmi del quarantennale. Io che non l'ho provocato ma l'ho subito. E ho il titolo per dirlo. Anche solo per la semplice ragione che mi dà dolore. Ma la signora Barbara Balzerani non può dirlo perché lei è tra coloro che l'hanno provocato. E, quindi, si tiene i risultati di quanto messo in atto» aggiunge Fida Moro, che critica in particolare l'apparente normalità con la quale coloro che hanno organizzato il sequestro e l'omicidio vengono invitati a parlarne in occasioni pubbliche, senza mostrare alcun minimo rimorso.

«Se il suo desiderio - prosegue - di andare in una prestigiosa spa all'estero si dovesse realizzare, cosa possibilissima visto che siamo in un mondo degradato folle e abbastanza demente, lei porterebbe con sé la sua coscienza. E, anche se non riconosce di avere niente di cui pentirsi, le peserebbe sempre sul cuore il macigno di cui cerca di liberarsi, dicendo queste cose che non sono né in cielo né in terra».

«Le auguro di realizzare il suo desiderio. Ma servirebbe solamente a dimostrare che lei ha torto e io ragione. Perché chi conosce il dolore non si permette mai di crearne ad altri. Credo che la loro parte sia stata fatta e - conclude Fida Moro - forse un sano silenzio sarebbe la cosa migliore per loro. Per noi. Per questo ex paese».
Martedì 13 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 14-03-2018 23:10

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 44 commenti presenti
2018-03-17 17:10:57
I morti, i veri morti sono gli ex brigatisti, molti dei quali poveri zombie tenuti nella loro quasi vita dall'ossigeno avariato di qualche centro sociale, in cui bazzicano personaggi abbarbicati ai cadaveri putrefatti di antiche mistiche ideologiche che non hanno pi√Ļ ragione d'essere. La Balzerani √® morta uccisa dall'oblio, Moro √® vivo per la sua personlit√† umana e politica. Balzerani & C passeranno, in realt√† sono gi√† passati, Moro resta e rester√† sempre.
2018-03-16 09:59:56
e hanno anche il coraggio di parlare! Che vergogna! Dovrebbero pentirsi, chiedere perdono e starsene zitti per il resto della loro vita se fossero delle persone degne ma è fuor di dubbio che non lo siano...
2018-03-15 07:57:45
¬ęconclude Fida Moro - forse un sano silenzio sarebbe la cosa migliore per loro. Per noi¬Ľ. Il silenzio lo hanno sempre mantenuto, non dicendo mai la verit√† su chi ha ucciso Aldo Moro e, soprattutto, su chi fossero i reali burattinai del sequestro, la cui progettazione e gestione non √® mai stata in mano alle BR (o presunte tali). Qualcuno crede che Moretti e Balzerani fossero i conduttori del gioco? solo chi non vuol vedere o chi mente (sapendo di mentire) pu√≤ affermare una fandonia del genere. Per quanto mi riguarda, Balzerani pu√≤ parlare quanto vuole, tanto il silenzio storico che ha mantenuto per tutti questi anni (alla pari degli altri sedicenti rivoluzionari) non vale 100'000 ore di esternazioni.
2018-03-14 13:03:55
Ha ragione poveretta. Una cosa vergognosa far parlare assassini criminali mafiosi che avrebbero dovuto avere l'ergastolo a vita. Solo in Italia, e osano parlare di democrazia, cioè far fuori chi non ti garba.
2018-03-14 12:50:21
Brigatisti, silenzio. Gli assassini non hanno diritto di sbeffeggiare le vittime dei loro crimini. Vergogna anche per questo.
44
  • 3,7 mila
QUICKMAP