Stadio, blitz in giunta prima del voto: ecco il sì per il ponte che non c'è

di Simone Canettieri
Con un occhio fisso al calendario (elettorale), in Campidoglio si torna a parlare dello stadio a Tor di Valle. L'accelerazione è arrivata ieri dalla giunta con il via libera al progetto definitivo per la realizzazione del Ponte dei Congressi - che di per sé costituisce variante urbanistica - e che ora andrà in assemblea capitolina per il sì definitivo. L'opera, finanziata dallo Stato e inserita nell'operazione calcistico-immobiliare, ha avuto e ha tuttora un iter abbastanza travagliato. Dopo essere...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 20 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 17:32

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-02-20 16:38:49
...e alla fine ci sono riusciti, parlo di affaristi e politici. Il progetto originario prevedeva TUTTE LE OPERE DI URBANIZZAZIONE a servizio dello stadio (ponti, strade, potenziamento linee, ecc.) a carico del privato che però avrebbe ricevuto A COMPENSAZIONE l'autorizzazione a costruire le famose torri, sviluppando quindi cubature che sarebbero state poi vendute e/o affittate. Il concetto era cristallino: io ti realizzo opere pubbliche e tu mi permetti di rientrare delle spese assegnandomi un tot di cubatura. In nome della più xxxxx demagogia il Comune ha cassato il progetto (già approvato dalla precedente giunta) e quindi siamo arrivato al pregetto rivisitato, ovvero: VIA LE TORRI, cubatura ridotta ed edifici lunghi e bassi....insomma, siamo passati dallo Skyline di tipo londinese a una simil Tor Bella Monaca... ma soprattutto niente più opere a carico del privato. Bene... senza strade ne ponti, allo stadio come ci si arriva? E così si è innescato un balletto Conferenza dei Servizi - Comune - Regione con vari rimpalli che alla fine ha portato alla suluzione del finanziamento delle opere a carico della comunità (ovvero con le nostre tasse)... quindi avremo le solite gare di appalto cristalline, i soliti tempi rapidissimi, la ben nota efficienza con il rispetto rigorossissimo dei tempi di consegna e dei capitolati tecnici..... il tutto senza un solo euro che finisca in tasche dove non dovrebbe andare... esattamente lo scenario che suppongo si voleva andare a mettere in essere sin dall'inizio
2018-02-20 15:46:35
E' una schifezza !!!!! Questa ha detto no alle olimpiadi perchè era un costo di denaro che non serviva, ora per i voti ha detto si a questo scempio dello stadio con costruzione di ponti a carico dei cittadini siete peggio degli altri movimento di fumo........................NON VI VOTERO' MAI PIU'
2018-02-20 15:25:39
A carico nostro????? Mai e poi mai le denunce fioccherebbero come foglie in autunno....... Ferrante Giuseppe
2018-02-20 15:18:23
per fortuna non lo faranno MAI
2018-02-20 15:04:55
100 milioncini preventivati (chissà quanti poi ne verranno spesi effettivamente) a carico dello stato,per una impresa immobiliare totalmente privata e neanche di proprietà della as roma. come dicevano? "sarà tutto a spese del privato,sarà a costo zero per la comunità,nemmeno un euro di soldi pubblici" .....si come no.....bravi tutti,marino prima,raggi poi,zingaretti,ministro lotti....bravi bravi
6
  • 12
QUICKMAP