Roma, entrano per rubare e trovano i carabinieri: presa la banda dei furti nei negozi

Avevano messo a segno furti nei negozi della zona nord di Roma. I carabinieri della compagnia Cassia, al termine di un'indagine coordinata dalla Procura capitolina, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Roma nei confronti di 5 persone. Di queste, quattro sono finite in carcere e una è stata sottoposta all'obbligo di presentazione in caserma. Secondo quanto accertato dai militari della stazione La Storta, i componenti della banda, di origine romena, conoscevano a fondo gli obiettivi da colpire perché risiedevano nelle vicinanze e li frequentavano quotidianamente.
 
 


A capo del gruppo c'era un giovane romeno che si avvaleva di una fitta rete di contatti criminali che fornivano basi di appoggio. Le indagini hanno accertato che la banda ha messo a segno cinque furti tra novembre e dicembre del 2017. In particolare, il gruppo ha compiuto un furto in un negozio dove, a distanza di dieci giorni ha provato un nuovo colpo, ma ha trovato i carabinieri. I militari hanno arrestato in flagranza di reato altre due persone e sequestrato diversi attrezzi utilizzati per compiere i colpi
Mercoledì 11 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 12-07-2018 14:13

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 20 commenti presenti
2018-07-11 17:20:29
Per passare inosservati indossavano tutti una maglietta rossa
2018-07-11 16:25:47
ormai i romeni onesti se ne sono tornati nel loro paese perchè qui non c'era lavoro e sono rimasti solo i delinquenti.
2018-07-11 16:11:38
Sempre la stessa musica...noti alle forze dell'ordine ma liberi di delinquere...!! Italia ! Italia ! Quando si prenderanno i giusti provvedimenti.
2018-07-11 15:33:56
la sinistra ti dice che il fenomeno è pompato dalla lega perchè diffonde la paura del diverso.
2018-07-11 14:24:05
""Di origine Romena""......non vedi altro scritto che questa frase ,quando si tratta di fatti di cronaca....relativi a furti e reati simili ! Ho letto ieri sul giornale che e' stata licenziata una dirigente governativa che si occupava della corruzione amministrativa del paese.....perché ""intralciava la giustizia""....!
QUICKMAP