Rita Rusic in ospedale dall'ex marito Vittorio Cecchi Gori: «Ha perso 25 chili ma sta meglio. Lasciato solo da tutti»

«Vittorio è stabile e in costante miglioramento. È dimagritissimo, sarà dimagrito almeno 20-25 Kg. Ieri gli ho tagliato i capelli». Così Rita Rusic, ospite de La Vita in Diretta, il programma di Rai1 condotto da Francesca Fialdini e Marco Liorni, parla delle condizioni di salute di Vittorio Cecchi Gori.
 
 

«Adesso intorno a Vittorio non c'è nessuno perché non c'è più niente da prendere, quello che doveva essere preso è stato preso tutto. Vittorio non ha più nulla. Abbiamo visto delle dichiarazioni di persone? Ma non l'hanno mai visto, non sono mai venute a vederlo. Sono state anche invitate - assicura - ma non tutti sono venuti, però poi parlano. A chiacchiere sono tutti bravi, i fatti contano e basta».

Rita Rusic racconta poi il viaggio che ha affrontato, assieme a suo figlio, il giorno in cui ha appreso la notizia del malore di Vittorio Cecchi Gori. «Avevamo paura di atterrare e trovare qualche notizia che fosse ancora peggiore di quella che avevamo ricevuto, soprattutto quando hai un black out di un volo che dura minimo 9-10 ore. Siamo corsi dall'aeroporto e siamo andati lì. È stato orribile - prosegue - la sensazione era quella di trovare un uomo che era stato abbandonato, non da noi, perché lui ci ha abbandonato, ma da tutto e da tutti. Non è vero che c'era qualcuno che gli era vicino, non c'era nessuno. L'ho capito subito. Quando ho visto Vittorio le cose sono cambiate, c'era rancore tra di noi, non parlavamo da 6 -8 anni penso, non me lo ricordo più. Mi dispiace per quello che è successo, mi dispiacerebbe per chiunque figuriamoci per un uomo con cui ho condiviso quasi 20 anni di vita e che è il padre dei miei figli. Ti piaccia o no, quello rimane. Tutta questa situazione che c'era tra di noi - prosegue - in un momento è come se fosse scomparsa, un po' è anche un lato del mio carattere, io tendo a dimenticare ciò che mi fa male».

La Rusic ricorda che quando Cecchi Gori l'ha vista ha detto «mia moglie», precisando: «Io sono l'unica moglie sua e lui l'unico marito. Nonostante tutto è cosi, sono cattolica e mi sono sposata pensando che il matrimonio è per sempre, poi le cose non sono andate».
Mercoledì 17 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 18-01-2018 12:47

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-01-18 16:29:12
DALLE cronache dei giornali rosa ,sembrava che la massima rapinatrice e' stata proprio LEI (e lui poverino sie' lasciato rapinare con la complicita' della legge)sposarsi un riccone la donna si mette a posto per tutta la vita e oltre la vita PERTANTO rimanere sposata e con gli oneri e onori a questo PUNTO e' meglio separarsi
2018-01-18 15:16:15
" Vittorio non ha più nulla "; vorrei ricordare alla signora Rusic che Vittorio Cecchi Gori riceve 4.725 euro, “certi, liquidi ed esigibili” , che il Senato gli accredita ogni mese per i 10 anni da parlamentare. Chi non ha nulla invero il giorno va a mangiare alla Caritas e dorme all'addiaccio.
2018-01-18 09:37:54
senti chi parla
3
  • 944
QUICKMAP