Polemiche su ddl antifascismo, Fiano: «Ok all'abrasione della scritta Dux». Cicchitto: «A chi dà fastidio?»

«Sono contrario all'abbattimento di monumenti, ma l'abrasione della scritta è una cosa che è stata fatta in Italia in tanti posti. L'abrasione della sola scritta è giusta». Così Emanuele Fiano, onorevole del Pd e promotore della legge sull'apologia del fascismo, ha risposto alla domanda di Luca Telese a 24Mattino su Radio 24 sulla proposta di abradere la scritta Mussolini dux sull'obelisco del Foro Italico a Roma.

Il giro di vite contro la propaganda fascista e nazista è quanto prevede la proposta di legge che in aula alla Camera nel primo giorno di attività dopo la pausa estiva per il voto finale prima del passaggio al Senato. La legge prevede l'introduzione dell'articolo 293-bis del codice penale che punisce "chiunque propaganda le immagini o i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco". Una norma che estende la legge Scelba del 1952 e poi la Mancino del 1993, portando la legislazione a contemplare anche gesti individuali da punire come il saluto romano, la diffusione di gadget ("produzione, distribuzione, diffusione o vendita di beni raffiguranti persone, immagini o simboli" del fascismo e del nazismo). La nuova norma prevede "la reclusione da sei mesi a due anni" per questa fattispecie di reato. La pena sarà, poi, "aumentata di un terzo se il fatto è commesso attraverso strumenti telematici o informatici".

Su Predappio, il cui sindaco ha proposto di realizzare un museo della storia del fascismo, Fiano ha poi spiegato: «Accoglierei la proposta del sindaco di Predappio che, al posto di quei negozi, ha proposto l'istituzione di un museo storico anche in quella città che ovviamente ha un legame con la figura di Mussolini, un museo di spiegazione di cosa è stato il fascismo, di tutto il percorso della sua storia, di ciò che ha prodotto, causato, di ciò di cui è colpevole. In Germania ci sono esempi di musei legati alla storia del nazismo che insegnano alle nuove generazioni o anche a quelle vecchie esattamente tutto quello che è successo. Raccontare, spiegare anche introdursi nelle contraddizioni di un pezzo di storia è giusto senza infingimenti». 


 Diversa invece la posizione di Fabrizio Cicchitto, deputato di Ap e presidente della commissione Esteri della Camera.i «Condivido la valutazione positiva che Fiano dà della proposta del sindaco di Predappio di fare in quel paese un museo della storia del fascismo, un regime totalitario che ha anche fatto le leggi razziali del '38 con le conseguenze tragiche che abbiamo visto e che ha governato l'Italia per 20 anni, per cui è giusta la memoria storica di quel periodo. Non condivido invece l'ipotesi di togliere la scritta «Mussolini Dux« dall'obelisco del Foro Italico: queste sono operazioni che sono genuine se avvengono nel fuoco degli avvenimenti non a tanti anni di distanza. «Mussolini Dux» non turba, offende e neanche esalta nessuno».
Mercoledì 13 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 16:22

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 39 commenti presenti
2017-09-14 00:01:06
Fiano è un architetto e questo fatto di voler cancellare la scritta DUCX dall'obelisco mi dà da pensare sia sulla sua conoscenza dell'architettura che della storia e in definitiva di come abbia preso una laurea in quel campo. Io purtroppo vedo in lui solo una rivalsa, direi poco seria e razionale , contro quel regime che ha tanto e duramente perseguitato la sua famiglia solo perché di religione ebraica. Si dimostrerebbe, a mio parere , di gran lunga superiore a queste sterili polemiche se dichiarasse chiaramente: "Il Fascismo mi ha fatto grandi mali e danni che mi bruciano ancora, ma è stato un periodo storico dell'Italia. Accettiamo i suoi monumenti così come sono, anche perché il Fascismo, era accettato per non dire apprezzato dalla maggioranza del popolo italiano prima sia delle abominevoli leggi razziali che della sciagurata decisione di entrare in guerra assieme alla Germania nazista."" .
2017-09-13 18:47:41
Nedo Fiano è tornato ed è ancora fra noi. Io ho ascoltato la sua storia dalla sua viva voce. Ci ho anche parlato. Non credo che partorirebbe una boiata simile. Troppo serio.
2017-09-13 15:30:23
La famiglia Fiano è stata deportata ad Auschwitz e suo padre è stato l'unico sopravvisuto. Per cui posso capire e condividere il suo operato.Penso che la prigionia nel campo della morte, per quelli che non andavano subito nelle camere a gas, non sia stata rose e fiori. Certo il fascismo non ha prodotto solo monumenti inneggianti il Xxnnio ma anche città di Littoria, Sabaudia, Aprilia, Pomezia, Guidonia, Carbonia, Fertilia, Segezia, Alberese, Mussolinia (oggi Alborea), Tirrenia, Tor Viscosa, Arsia e Pozzo Littorio e di 64 borghi rurali,creazione quartiere dell’EUR ,Emanò il codice penale (1930), il codice di procedura penale (1933, sostituito nel 1989), il codice di procedura civile (1940), il codice della navigazione (1940), il codice civile (1942) e numerose altre disposizioni vigenti ancora oggi (il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, il Codice della Strada, le disposizioni relative a: polizia urbana, rurale, annonaria, edilizia, sanitaria, veterinaria, mortuaria, tributari. Anche queste andrebbero dunque cancellate.
2017-09-13 15:28:37
Invece di proporre simili azioni, fonte di odio da rinfocolare, si faccia un museo della Storia dell'Italia, si spieghi alle giovani generazioni la genesi ed il contesto storico, politico ed economico dei totalitarismi del secolo scorso, perch√© il Fascismo non fu solo in italia, si dica quanto fatto nel Ventannio, sia di cattivo che di buono, in modo che ciascuno possa formarsi la propria opinione. Nessun fenomeno storico √® solo positivo o solo negativo. Altrimenti: tutto gi√Ļ, non solo l'obelisco! La Farnesina, lo IUSM, i Patti Lateranensi, Latina, Pontinia, la Via del Mare, la metro Roma Ostia, Via dei Fori Imperiali, via della Conciliazione, l'INPS, l'INAIL, la tredicesima mensilit√†, l'ex IACP, l'Istituto Maternit√† ed Infanzia e via dicendo. Non si pu√≤ vivere come mezzo Giano Bifronte, solo e sempre rivolti al passato. Il passato serve per imparare, non per continuare a dividere e spargere odio. Sono dei cialtroni, la cui presenza non lascer√† alcuna traccia nella Storia di questa Nazione.
2017-09-13 15:28:14
e il Colosseo? quanti morti ha visto, il terreno sottostante è ancora intriso di sangue; Arco di Tito già detto; e la Chiesa, non ha forse perpetrato misfatti, dei quali uno degli ultimi è stato quello di appoggiare apertamente il fascismo? Mussolini fa ancora paura? se si vuol dire che fa paura a chi ha malgovernato questo paese fino a ridurlo al lastrico; ed è per questo che si risvegliano ad arte i morti e i fantasmi della storia; io sarei per una legge che sia contro qualsiasi forma di ideologia oppressiva antidemocratica , ma che sia educativa non repressiva. Si deve insegnare la storia con obiettività, e comunque i miti passano col tempo .. ma a chi governa ora serviva qualcosa per ridestare antichi odi, ormai sopiti. ed è stata fatta questa legge inutile, bastavano già la legge Scelba e le disposizioni transitorie della Costituzione e tutto per quattro cretini che rifanno la marcia su Roma, coprendosi di ridicolo e che fanno ridere anche i fascisti convinti ...
QUICKMAP