Roma, i professori tornano sui banchi per esplorare il mondo digitale

di Cristina Montagnaro
A Roma sono i professori che danno il buono esempio: sono tornati sui banchi di scuola per imparare l’uso degli strumenti digitali. Studiano come funziona internet, la sicurezza sulla rete, i social media e le piattaforme cloud. Obiettivo: diffondere la cultura dell’innovazione a scuola. Piani di utilizzo per l’insegnamento, video, facebook, twitter e molto altro. Tutti i lavori sono all’insegna della tecnologia.

Si tratta dell’iniziativa “A scuola di digitale con Tim”, che ha fatto tappa oggi nella Capitale e ha coinvolto i professori degli istituti “Vittorio Colonna” e “Keplero”.  L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il Ministero dell’Università e della Ricerca ed è volta ad  avvicinare gli insegnanti al mondo digitale. Protagonisti sono i docenti, circa 60 quelli che sono tornati già sui banchi di scuola. Il progetto è di durata biennale e coinvolgerà i docenti italiani di tutte le scuole di ogni ordine e grado. 500 saranno i professori coinvolti distribuiti nelle province del Lazio, regione da dove ha preso il via.
 
Il direttore generale Fondazione Tim, Marcella Logli guarda al futuro: «Non c’è futuro senza innovazione tecnologica. Per questo da anni ormai ci impegniamo su diversi fronti per la diffusione dei più avanzati strumenti digitali nella didattica. Insieme al Miur, abbiamo deciso di coinvolgere in maniera diretta anche i docenti di tutte le scuole italiane affinché la cultura dell’innovazione si diffonda a tutti i livelli nel mondo scolastico».
 
Le materie trattate non sono le classiche storia, filosofia e matematica, ma si parla instancabilmente di potenzialità del web, delle reti sociali, degli strumenti di condivisione digitale e il loro possibile utilizzo nella didattica. Inoltre durante l’incontro sono state introdotte anche le basi del coding, ovvero il codice informatico, la programmazione e quelle dell’informatica. Prossima tappa: Latina, Gaeta, Tivoli, Cassino, Viterbo e Rieti e Ceccano.
Martedì 15 Novembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 16-11-2016 09:43

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2016-12-23 18:42:14
Gli insegnani tornano sui banchi di scuola. E fanno bene, perché di ignorantoni ce ne sono parecchi anche tra le loro fila.
QUICKMAP