Roma, caos negli ospedali, anziani parcheggiati da mesi: «I parenti non li vogliono a casa»

di Mauro Evangelisti
«Mio padre? Non voglio averci nulla a che fare, tenetevelo», «mi spiace, sono al mare, non posso venire a prendere mia madre», «a casa mia non c'è posto». Quando dagli ospedali romani chiamano i familiari per annunciare loro che il paziente sarà dimesso, che potrà tornare a casa, troppo spesso capita di ricevere dei dinieghi, dei rifiuti, risposte evasive. E così nessuno va a riprendere il paziente che dovrebbe essere dimesso. DIMENTICATI Succede ancora di più nei...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 12 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 13-08-2017 00:43
  • 1,7 mila
QUICKMAP