Ruolo italiano debole/ I margini più stretti per contare in Libia

di Alessandro Orsini
La situazione in Libia è precipitata ed è molto difficile immaginare che l’Italia possa recuperare le posizioni perdute. Il governo di Tobruk, che si contrappone a quello di Tripoli, sostenuto dall’Italia, è avanzato troppo e non può essere più risospinto. Enzo Moavero Milanesi si è recato a Bengasi per incontrare l’uomo forte di Tobruk, il generale Haftar, il quale ha scritto che gli italiani sono “nemici”, in un tweet di sabato 9 settembre.  Queste sono le parole...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 11 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 00:15

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-09-12 10:48:04
Eliminare Gheddafi è stato un attimo! Haftar invece lo lasciamo chiacchierare liberamente come e quando vuole. Che si aspetta a catturarlo e rinchiuderlo una volta per tutte?
QUICKMAP